Il Belgio coloniale, il razzismo e Leopoldo II

Di Nick Dobbelaere – 30 giugno 2020  Pubblicato su www.solidaire.be Tradotto da P.Lunetto

Il Congo ha ottenuto l’indipendenza 60 anni fa. Inizialmente di proprietà di Leopoldo II, il Congo è stato sfruttato per arricchire alcuni grandi capitalisti belgi e la famiglia reale. Impossibile capire l’importanza del movimento di decolonizzazione e dibattiti attuali senza immergersi nella storia di questo gigantesco paese africano. Ne parliamo con Lucas Catherine, scrittore e specialista della colonizzazione.

Come è diventato il Congo una colonia belga?

Lucas Catherine. Alla fine del 19º secolo, i paesi europei erano in pieno sviluppo industriale. Avevano bisogno di materie prime e mercati. Ecco perché le colonie erano fondamentali. In una conferenza a Berlino nel 1885, le potenze europee hanno deciso di condividere l’Africa. I tedeschi ne hanno ricevuto una parte, i britannici e i francesi anche, ecc. e si sono reciprocamente promessi di non farsi del male. Leopoldo II si è così guadagnato il diritto di colonizzare questo grande paese situato nel cuore dell’Africa, a condizione che gli altri paesi possano mantenervi un’attività economica. La conferenza di Berlino era una ripartizione sulla carta, naturalmente. Più tardi, è stato necessario mettere in pratica questi accordi inviando spedizioni militari prendere effettivamente le terre alle popolazioni locali. Il colonialismo è una guerra di conquista.

Il Congo non è stato conquistato pacificamente?

Lucas Catherine.  Leopoldo II ha dovuto combattere diverse guerre per il Congo. Per mettere le mani sulle zone di raccolta della gomma, ha dovuto fare la guerra alla popolazione locale. Ha dovuto condurre una guerra nella regione del Katanga, in cui le miniere di rame erano nelle mani dei capi locali. C’è stata anche una guerra per l’avorio, che all’epoca era una materia prima importante. Quindi ha dovuto conquistare tutto con mezzi militari.

Leopoldo II ha pagato queste guerre di tasca propria?

Lucas Catherine. No, non ne aveva assolutamente i mezzi. È partito alla conquista del Congo con tutta l’industria belga dietro di lui. Fin dall’inizio, i capitalisti di Bruxelles, la siderurgia vallona e la capitale portuale di Anversa hanno investito massicciamente nel progetto congolese di Leopoldo II. Prima ancora di riceverne ufficialmente l’autorizzazione nel 1885, Leopoldo II aveva già inviato in Congo delle persone retribuite dall’industria belga. Avete sentito parlare dell’esploratore Stanley, che ha scoperto il Congo? Non era pagato da Leopoldo II, ma dai banchieri di Bruxelles Philippe Lambert e Georges Brugmann. C’era un’enorme quantità di ricchezza da cercare in Congo. Tutte le materie prime provenienti dal Congo erano commercializzate nel porto di Anversa. Durante questo periodo, il porto di Anversa è diventato uno dei primi tre al mondo. Le due grandi imprese di gomma di Anversa, ABIR e Anversa, sono state liete di cofinanziare il progetto di Leopoldo II in quanto garantiva loro un facile accesso alla gomma congolese. Anche i baroni dell’acciaio vallone avevano molto da guadagnare. Le materie prime si trovavano lontane all’interno delle terre congolesi e dovevano essere trasportate fino alla foce del fiume Congo per poi arrivare ad Anversa. Tutte le linee ferroviarie destinate a trasportarle sono state costruite dall’industria siderurgica vallona.

Perché il Congo è diventato proprietà personale del re Leopoldo II invece di tornare direttamente allo Stato belga ?

Lucas Catherine. All’inizio, lo Stato belga non ha subito percepito l’interesse di avere delle colonie. Ma Leopoldo II sognava da sempre di possedere una colonia. Era un re megalomane, colpito dalla follia delle grandezze. Voleva trasformare Bruxelles in una città come Londra, Berlino o Parigi. E per farlo, aveva bisogno di soldi, e poteva ottenerli solo possedendo una colonia. Ci pensava da molto tempo. Prima di diventare re, aveva già fatto diversi viaggi, in particolare in Spagna, per vedere cosa riportavano le colonie dell’America Latina. Si era anche recato a Ceylon, oggi Sri Lanka, per vedere che cosa le piantagioni di tè portavano agli olandesi. Si era anche recato a Hong Kong per vedere quali fossero le possibilità in Cina. Voleva fare del piccolo Belgio una superpotenza. E ci è riuscito, in parte, perché verso il 1910 il Belgio era la seconda potenza industriale del mondo dopo la Gran Bretagna. Ciò è stato possibile solo grazie alle ricchezze rubate in Congo e agli orrori che hanno accompagnato questo saccheggio.

Lo Stato belga non era affatto coinvolto ?

Lucas Catherine. Certo che sì. Leopoldo II ha inviato distaccamenti di soldati dell’esercito belga ad unirsi all’esercito coloniale, la Forza Pubblica. L’esercito di Anversa assicurava che le imprese di gomma ABIR e Anversa, ad esempio, potessero liberamente operare.

Come è finito il Congo nelle mani dello Stato belga ?

Lucas Catherine. I finanzieri belgi hanno messo pressione. Per loro, il saccheggio delle materie prime era ancora troppo limitato e inefficace. Ad esempio, il fiume Congo non era navigabile tra Kinshasa e il mare, perché era costellato da rapide. La gente doveva quindi trasportare le materie prime su questo tratto a piedi. In ragione di 30 chilometri al giorno con 30 chili sulla testa. Non si può saccheggiare un paese in una volta sola. Così, sempre più capitalisti hanno pensato che bisognava affrontare questo problema in modo più razionale, che ci dovrebbero essere molte più strade ferroviarie, in particolare. Allo stesso tempo, il governo belga cominciava a pensare che, fino a che non si fosse iniettato così tanto denaro, sarebbe stato meglio prendere direttamente il controllo del Congo. Allo stesso tempo, lo scandalo delle mani mozzate veniva rivelato a livello internazionale. Gli inglesi e i tedeschi erano furiosi perché Leopoldo II non aveva mantenuto la sua promessa del 1885, cioè che le altre potenze sarebbero venute in Congo a cercare le materie prime. Voleva tenere tutto per sé. Questi paesi hanno poi pubblicato articoli sulla pratica delle mani mozzate e la pressione internazionale si è rafforzata. Tuttavia, la stampa belga non ha detto nulla di tutto ciò perché la stampa era stata acquistata. Leopoldo II aveva in effetti un ufficio speciale a Bruxelles dove invitava dei giornalisti e li pagava perché diffondessero notizie positive per lui. Le mani mozzate mostravano chiaramente che il regno di Leopoldo II in Congo non era che abominio e saccheggi. Lo Stato belga ha quindi insistito affinché la questione del Congo fosse affrontata «normalmente». A partire dal 1909, quando lo Stato belga ha assunto il controllo del Congo, il regime coloniale belga era paragonabile a quello di altri paesi.

Che cosa ha messo fine a tutti questi abusi ?

Lucas Catherine. No, la maggior parte di queste pratiche hanno continuato. Le popolazioni locali sono state molto sfruttate duramente. Un uomo molto importante all’epoca con cui lo Stato belga controllava il Congo era il lord britannico William Lever, che in seguito fu all’origine dell’attuale multinazionale alimentare Unilever. Quest’uomo ha fatto spostare interi villaggi e ha anche imposto il lavoro forzato alla popolazione locale. Nel 1931 (più di vent’anni dopo la morte di Leopoldo II), la popolazione che viveva intorno a queste piantagioni si ribellò contro queste pratiche. Ciò ha dato luogo alla rivolta contro la più massiccia colonizzazione belga, che si è conclusa con il massacro di migliaia di congolesi. Gli orrori non si sono dunque fermati con la scomparsa di Leopoldo II. Alcune regioni del Congo, come le zone in cui c’erano piantagioni di gomma, sono state quasi completamente spopolate, contrariamente a quelle dove il capitale belga non trovava nulla da saccheggiare, che si lasciavano relativamente tranquilli. In ogni caso, la colonizzazione è stata estremamente letale per i congolesi, che vi hanno lasciato da uno a cinque milioni di vite, secondo le stime. Le altre potenze coloniali non erano da meno. I tedeschi hanno massacrato un intero popolo, gli Herero, nel sud-ovest dell’Africa. La colonizzazione dell’America latina è costata anche milioni di vite. Gli inglesi e i francesi hanno condotto guerre coloniali di una portata incredibile. Non c’è colonialismo senza violenza.

Cosa dovremmo fare delle statue di Leopoldo II e dei monumenti coloniali?

Lucas Catherine. Bisogna innanzitutto chiedere alle persone di origine congolese che cosa vogliono farne. Coinvolgere intellettuali e artisti congolesi. Dopo tutto, è della nostra storia comune che si tratta.

Forse dovremmo organizzare una commemorazione annuale o un’azione pubblica, così come si commemora ogni anno la prima guerra mondiale l’11 novembre. Allo stesso tempo occorre agire a livello di insegnamento e spiegare perché questi coloni si sono sbagliati a tal punto e perché il razzismo che conosciamo oggi deriva dalla colonizzazione. Si tratta quindi di attuare misure educative a lungo termine.

Perché è così importante ?

Lucas Catherine. Perché la colonizzazione ha diffuso un’immagine razzista degli africani neri. L’immagine paternalistica di questa epoca è un’immagine stereotipata che rimane sempre viva : gli africani hanno la danza nel sangue, sono dotati per la musica, sono gay, ma sono anche come dei bambini piccoli che hanno bisogno di un’autorità paterna… Simili immagini rimangono ben presenti negli animi, con la conseguenza che il congolese medio è oggi più istruito del belga medio, ma esercita ancora una professione meno valorizzata. I belgi nati dal Congo occupano quasi tutti lavori al di sotto del loro diploma o del loro valore. È una conseguenza della colonizzazione. E questa immagine paternalistica di «noi, europei bianchi, sappiamo meglio ciò che è buono e quindi prenderanno le decisioni  » non è un’immagine nata sotto Leopoldo II, ma dopo. Demonizzare Leopoldo II non risolverà nulla. Sì, rimuovere le sue statue può contribuire ad attirare l’attenzione sul problema, ma questo non eliminerà il razzismo. Da qui l’importanza dell’insegnamento per interpretare correttamente questa storia. Dopo il 1960, c’è stato un blackout. Non volevamo sapere, abbiamo smesso di parlarne. Anche a scuola. E ‘ qualcosa che dobbiamo correggere per combattere il razzismo.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s