Che cosa nasconde il «Patto sociale» voluto dalla confindustria belga?

Di Benjamin Pestieau http://www.solidaire.org

Da tempo il capo della FEB (Federazione delle imprese del Belgio) sogna un Patto sociale. Un sogno che risale a prima della crisi del Covid-19. Non è l’unico. Per il capo del MR (il partito liberale francofono), «è tempo di concludere un nuovo contratto sociale», ha dichiarato recentemente a Sud Presse. Anche a livello sindacale, alcuni chiedono un Patto sociale. Ciò ha provocato una vivace polemica al vertice della FGTB (il sindacato socialista). Ma in cosa consisterebbe questo Patto?

Un patto sociale è un accordo tra padronato-sindacati-governo per regolare le condizioni di lavoro, i principi di retribuzione, i diritti sociali, ecc. Si fa generalmente riferimento al Patto sociale concluso nel 1944 che ha gettato le basi del nostro sistema di sicurezza sociale dopo la seconda guerra mondiale.

Concertazione a geometria variabile

È quantomeno curioso che coloro che hanno ignorato il mondo del lavoro – i datori di lavoro e i partiti di destra – oggi vogliano concludere un accordo con le organizzazioni sindacali. Durante i quattro anni del governo Michel, i sindacati sono stati messi da parte per far passare misure neoliberali: salto di indice (equivalente alla vecchia scala mobile italiana), pensione a 67 anni, blocco dei salari, flessibilità, attacchi contro i servizi pubblici. Ogni volta, i lavoratori del paese sono scesi in massa per le strade su invito delle organizzazioni sindacali, hanno scioperato, hanno chiesto di essere ascoltati. Ma in nessun momento sono stati realmente ascoltati o presi in considerazione. Le vittorie ottenute dal movimento sociale – come l’abbandono del progetto della pensione a punti, la famosa «pensione tombola» – sono venute solo dalla pressione sociale e dal rapporto di forza. Non da unaconsultazione del governo con il mondo del lavoro.

Dopo aver fatto orecchie da mercante, padroni e partiti di destra fanno finta di voler ora concertarsi con le organizzazioni sindacali per negoziare un «nuovo Patto o contratto sociale». Quali sono le loro intenzioni?

La strategia dello shock alla salsa patronale

I fallimenti e le ristrutturazioni creeranno un senso di urgenza da qui a metà giugno. Spero che nel frattempo, ci saranno abbastanza partiti che sorgeranno per creare una coalizione di “buona volontà”. (embra) Questa coalizione può concretizzarsi solo se tutti i partecipanti al tavolo dei negoziati non si aggrappano a parole simboliche come l’indice, il prepensionamento… », ha dichiarato poco fa allo Standaard Pieter Timmermans, il capo della FEB (la federazione padronale del Belgio).

La FEB vuole quindi utilizzare lo shock provocato dai numerosi fallimenti o ristrutturazioni legate alla crisi economica per avanzare con la sua agenda antisociale. Approfittare dello shock per destabilizzare la popolazione, i sindacati, le organizzazioni sindacali e i partiti progressisti: questa è la strategia dei datori di lavoro.

E tutte le federazioni padronali hanno dettagliato le misure concrete che vogliono: allungamento della settimana lavorativa (da una settimana di 38 ore a una settimana di 42 ore) moltiplicando le possibilità di straordinari senza sovraccosti, senza recupero e senza controllo sindacale. Ma anche il blocco ancora più rigoroso dei salari rivedendo la legge salariale. O ancora, la progressiva privatizzazione e definanziamento della sicurezza sociale. Tagli supplementari ai servizi pubblici e il rafforzamento della caccia ai disoccupati.

Per contro, divieto di «aggrapparsi» a «simboli» come l’indice o i prepensionamenti o venire con idee come la tassazione delle grandi fortune.

La condizione per uscire dalla crisi?

Le ricette padronali proposte come soluzioni «creative» per tirarci fuori dalla crisi sono tuttavia vecchie. Si tratta di ricette che hanno dimostrato la loro inefficacia e le loro drammatiche conseguenze sociali e sanitarie.

Per esempio:

• Lavorare più a lungo moltiplicando gli straordinari è assurdo in un momento in cui ci sono fallimenti e più disoccupazione. Facendo lavorare più a lungo coloro che già lavorano, si priva di lavoro coloro che non hanno (più) lavoro. Si aggraverà la disoccupazione.

• Limitare ulteriormente i salari, questo rallenterà i consumi e quindi l’economia. Questo priverà l’economia dell’ossigeno di cui ha bisogno.

• Limitare la spesa pubblica, questo causerà disastri come abbiamo visto durante la crisi del Covid-19, dove i nostri ospedali e case di riposo mancano di personale e mezzi materiali.

• Rompere il finanziamento della sicurezza sociale, questo aggraverà ulteriormente le disuguaglianze tra coloro che hanno mantenuto il loro lavoro e coloro che lo hanno perso a causa della crisi e renderà il finanziamento delle nostre pensioni impossibile.

La «partita» tra lavoratori e capi è finita?

Il padronato vuole quindi utilizzare la strategia dello shock per imporre le sue opinioni e in aggiunta farlo attraverso un patto sociale per evitare la lotta sociale. «Bisogna smettere di pensare che c’è una partita tra il datore di lavoro e il lavoratore .» , spiegava Georges-Louis Bouchez, il presidente del MR, a Sud Presse all’inizio del mese per difendere l’idea di un Patto sociale. Secondo lui, sarebbe quindi possibile – dopo la crisi del Covid-19 – trovare un terreno d’intesa tra lavoratori e datori di lavoro. Quando si leggono le intenzioni padronali, si può dubitare. Il padronato ha interessi particolari, li difende per fare il massimo profitto. Questi interessi sono in contrasto con quelli del mondo del lavoro. C’è una lotta tra gli interessi dei lavoratori da una parte e dei datori di lavoro dall’altra. Una lotta di classe.

Per i datori di lavoro e i partiti di destra, la prima virtù di questo patto sarebbe quindi di fermare i conflitti, le lotte, le azioni, gli scioperi e altri che potrebbero condurre il mondo del lavoro di fronte alla strategia di shock che i datori di lavoro vogliono imporre.

Possiamo confrontare il dopoguerra del 1944 con il dopoguerra del 2020?

Quando si parla di un nuovo Patto sociale, alcuni fanno riferimento al Patto sociale del 1944 firmato dai padroni e dai sindacati e ripreso dal governo della Liberazione. Anche la FEB vi fa riferimento.

Tuttavia, questo confronto ha poco senso. Al termine della guerra, il movimento operaio si era organizzato nella clandestinità contro l’occupante. Il fascismo – l’espressione più brutale e più bestiale del capitalismo – era stato sconfitto. Nel 1944, i comunisti erano al vertice della loro popolarità. Erano gli eroi della Resistenza. L’Unione Sovietica godeva di grande prestigio. Incarnava la possibilità di un tipo di società diverso da quella basata sul mercato e sul profitto. I datori di lavoro avevano paura di perdere il controllo delle sue fabbriche. Ha dovuto concedere molto di più per paura di perdere tutto. Bisognava concedere molto per preservare il sistema capitalista.

Il rapporto di forza nel dopo Covid-19 non è affatto lo stesso come nel 1944. E ‘all’inizio della sua ricostruzione. Il mondo del lavoro ha mostrato la sua forza nella crisi. È stato lui che ha permesso di arrestare temporaneamente la diffusione del virus bloccando la produzione nei settori non essenziali. È lui che ha fatto girare i servizi e la produzione essenziali. È lui che ha fatto funzionare i nostri ospedali. È lui che ha lottato per gli standard di sicurezza. C’è una coscienza di classe sociale nascente: siamo parte della classe dei lavoratori e questa è questa classe che fa girare il mondo, non i padroni. Si tratta di un inizio di rinascita di un mondo del lavoro fiero del suo ruolo nella società e offensivo sul piano sociale. E ‘questa rinascita della coscienza di classe che i datori di lavoro vuole impedire via questo tra l’altro un Patto sociale che rallenterebbe ogni resistenza, ratificherebbe il regresso sociale e getterebbe il mondo del lavoro in un nuovo arretramento sociale, fonte di nuovi pessimismi.

È il momento di creare un rapporto di forza favorevole ai lavoratori

L’ora non sarebbe «alle opposizioni sterili», afferma il padronato. «Siamo sull’orlo del baratro», si poteva leggere sulla stampa. E il Patto sociale ci sarebbe per salvarci dando l’illusione di un interesse comune per superare «insieme» la crisi. L’ora sarebbe all’intesa comune. Le dispute, le lotte aggraverebbero la crisi, secondo i datori di lavoro e i partiti di destra.

Ma la grande domanda è: su cosa dovrebbe poggiare questa intesa? Sul regresso sociale o sul progresso sociale? Finora sono state soprattutto le misure di destra a dimostrare la loro incapacità di affrontare la crisi. Siano esse sanitarie o economiche. È tempo di innovare socialmente attivando la fortuna dei multimilionari tramite una Tassa Corona, condividendo l’orario di lavoro, permettendo agli anziani di fermarsi prima e permettere ai giovani di avere un lavoro vantaggioso

«Sì, ma è la crisi… », dicono i partiti di destra. Tuttavia, le misure adottate in seguito al grande sciopero del 1936 (i primi congedi pagati, 40 ore settimanali) o le misure sociali del 1944 sono state prese in piena crisi. Eppure, le abbiamo prese. E non hanno aggravato la crisi, al contrario delle misure di destra.

Altri sostengono che con il Covid-19 è impossibile combattere. Tuttavia, i camici bianchi, i lavoratori dell’aeroporto, quelli di Decathlon o di VCST nel Limburgo, quelli e quelli dei grandi magazzini, ecc. mostrano che la lotta è possibile.

Non è il momento di un patto

Il periodo del dopoguerra mostra che un Patto sociale costituisce un «cessate il fuoco». È la cristallizzazione, il congelamento, di un rapporto di forza. Firmare un Patto in un rapporto di forza sfavorevole costituirebbe il congelamento di questo rapporto di forza negativo, e per lungo tempo.

Firmare oggi un Patto significherebbe sottomettere gli interessi dei lavoratori a quelli dei datori di lavoro e dei partiti di destra. È cadere nella trappola dei datori di lavoro che hanno paura della coscienza delle classi più giovani. È giunto il momento di creare un ampio rapporto di forza sociale e politica. È la nostra unica garanzia per i lavoratori di non pagare la crisi.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s