Un dossier dell’AfD rivela divisioni interne: “Se vuoi la guerra, l’avrai!”

Da: Hessenschau, di Wolfgang Türk | Leggi sul sito |

Dietro le quinte, un’aspra guerra di trincea infuria nella gruppo parlamentare del’ AfD. I “misfatti” dei parlamentari raccolti in un dossier . Un parlamentare lamenta un trattamento da parte del partito “in stile Corea del Nord”.
Nel dossier si legge, come note su un registro di classe, a proposito di Rolf Kahnt: “A pranzo si è comportato in modo irrispettoso nei confronti del cameriere”. Solo che Kahnt non è un alunno alla fine di una gita scolastica, ma un insegnante in pensione di 75 anni, il più anziano membro del parlamento dell’Assia. E che la nota non viene dalla scuola, ma dalla fazione di Kahnt: l’AfD.
La voce su di lui è contenuto in questo dossier di molte pagine intitolato “Condotta scorretta, Rolf Kahnt, dal 18 maggio 2020”. Le carte – “solo per uso interno” – sono disponibili per la dirigenza di partito.
Questo dossier documenta come un leader di partito e un deputato si possano rapidamente allontanare fino a scatenare un’amara faida, come il gruppo parlamentare raccolga materiale incriminante contro i suoi membri, e cosa succede all’interno dell’Afd nel Land dell’Assia.

Kahnt è stata l’orgoglio di tutta l’AfD dopo il suo ingresso nel parlamento statale: come presidente in pensione nel 2019, ha aperto la prima sessione del parlamento, essendo stato in precedenza il portavoce del partito a livello nazionale. Ora questo crudo elenco: quest’anno l’uomo era assente dalla maggior parte dei delle riunioni di partito. Non solo: aveva lavorato da solo alle interrogazioni parlamentari, ma aveva anche votato più di una volta contro la linea del gruppo in commissione.

Ma questo è ancora poco. Si legge più avanti di un violento scontro verbale con un collega: Kahnt aveva gridato al direttore parlamentare dell’AfD Frank Grobe: “Se vuoi la guerra, puoi averla”. Nel dossier si legge il disappunto dell’autore per la cattiva impressione data: “Parecchi deputati di altri partiti l’hanno visto”. Altrove si dice a proposito del comportamento del dissidente che “tutto ciò ha dimostrato non solo all’amministrazione del parlamento statale ma anche ai nostri avversari politici che c’è disaccordo nel nostro gruppo”.

Sembrava così tranquillo, e invece fra tutti i posti, proprio in Assia accade tutto questo. Per anni, altri membri del gruppo parlamentare dell’AfD hanno litigato amaramente tra loro, e all’interno del partito federale la lotta per il potere stava spingendosi all’estremo: il campo conservatore di destra si stringe attorno al presidente Jörg Meuthen mentre il campo di destra radicale attorno a Björn Höcke, nonostante la sua “ala” sia ufficialmente sciolta.

Ci sono stati disaccordi nel partito federale, esplosi sotto forma di procedure di espulsione dal partito a causa di sospetti di estremismo di destra, e con risultati elettorale molto ravvicinati nella conferenza del partito, fra i leader Lambrou e Klaus Herrmann. Ma niente di tutto questo si era rivelato poi così caotico. E soprattutto il gruppo parlamentare sembrava relativamente intatto.

Materiale di qualità simile è stato raccolto anche dall’ufficio del gruppo su Rainer Rahn. Il dentista e consigliere comunale di Francoforte, che ha conseguito un doppio dottorato, era ancora il loro principale candidato prima che l’AfD si entrasse per la prima volta in Parlamento. Dopodichè il sessantottenne è stato rapidamente messo da parte – e ora il suo nome è sul dossier.

In questo, è registrato tra l’altro: “Alla serata dell’Hessenfest nella rappresentanza di Stato dell’Assia, Rainer Rahn si è separato dalla fazione AfD con grande pubblicità e ha parlato soprattutto con i politici della CDU.

Mentre Kahnt rimane in silenzio come richiesto dal partito, il suo collega Rahn invece dice a proposito di tali voci: “Tutto questo è incomprensibile e ricorda il peggio della Stasi.” Il politico non ha tenuto segreto il dossier quando il gruppo glielo ha inviato. Rahn ha risposto accusando di spionaggio: “Questo mi ricorda la RDT o la Corea del Nord.”

Sospetta che il documento sia stato ordinato dalla direzione del gruppo parlamentare, Lambrou e Grobe. Ma qual è il motivo? Il gruppo AfD non si sta esprimendo. “Non prendiamo posizione pubblicamente su questioni interne al gruppo” – questo è tutto ciò che l’ufficio stampa risponde alle domande. Non dice nulla sull’accusa dei metodi della Stasi nè sullo scopo del dossier.

Ma ce ne sono altri: l’AfD ha 19 deputati nel Parlamento del Land. Un membro del Parlamento stima che il numero di colleghi che fra questi sono finiti sotto le attenzioni dei vertici siano una manciata. Si parla dell'”ala” che opera d’intralcio a uomini più moderati come Kahnt. Questa non sembra però essere esaustiva come spiegazione. Sotto la guida di Lambrou, i rappresentanti dichiarati come membri di questa “ala” hanno avuto finora una scarsa influenza.

Altre voci del gruppo parlamentare sottolineano che Kahnt e Rahn si sono dimostrati difficili e si sono messi fuori gioco da soli. Interrogato sul suo tasso di partecipazione alle riunioni del gruppo parlamentare, Rahn dice francamente: “Non ci vado più. Ho cose migliori da fare lì, e lo sanno anche loro”.

Le dichiarazioni del deputato in seguito alla’attentato di Hanau avevano recentemente suscitato l’indignazione del suo stesso gruppo. In relazione agli omicidi razzisti, aveva detto quanto segue “I bar Shisha sono luoghi che a molti non piacciono, me compreso, tra l’altro. Se qualcuno è costantemente disturbato da una tali luoghi, potrebbe in qualche modo passare all’azione”.

Rahn non si vede in nessuno dei due campi in conflitto. Il dentista non sospetta quindi che i capigruppo abbiano dei seri motivi contro di lui con questo dossier, motivando l’iniziativa con ragioni piuttosto psicologiche: “Ho l’impressione che possano avere una tendenza al controllo”.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s